Un Blog dalla Seconda Guerra Mondiale

23 settembre 1943

Casale di Carinola

I soldati tedeschi si appostano con le mitraglie per tutte le vie di Casale. Verso le ore 8:00 un banditore gira le vie del paese dicendo che tutti gli uomini si uniscono in piazza per ascoltare il discorso di un ufficiale tedesco. Andati in piazza ci accorgiamo che siamo chiusi da tutte le strade. Si ritirano i documenti e ci danno un’ora per andare a casa a prendere qualcosa. Dicono che ci portano a lavorare per due, tre giorni. Ci avvertono che per chi non torna, saranno fatte rappresaglie sulla famiglia. Io intuisco che ci portano in Germania, ma per paura di rappresaglie contro mia moglie, i miei due figli, e mio padre, mi presento. Dopo un’ora siamo tutti in piazza. Ci fanno salire sui camion e ci portano sopra le montagne vicino al Massico. La notte la passiamo all’aperto, sempre attorniati dai tedeschi.

1 Comment

  1. Giuseppe Improta:

    Complimenti.Ho anch’io un diario scritto negli ultimi 5 mesi dal padredi mio cognato deportato nei lager..Ho rintracciato anche lettere e cartoline di deportati campani ed in particolare di Ponticelli (Napoli). Ho fatto anche una mostra di recente ed una manifestazione…Bravo. Potrei imitarvi?

Lascia un commento

Aggiungi questo diario
ai tuoi Social Bookmarks.
Condividi!

This work is licensed under Creative Commons BY-NC-ND