Un Blog dalla Seconda Guerra Mondiale

Marzo 1945

  • 1 marzo 1945

    Oggi c’è stato circa due ore d’allarme.

  • 2 marzo 1945

    Come ieri altre due ore e più d’allarme.

  • 3 marzo 1945

    Stamattina uscendo per andare a lavorare sono rimasto meravigliato nel vedere la neve a terra, dopo più di un mese, abbiamo avuta di nuovo la neve ed una temperatura fredda, tutto il giorno ha fioccato sempre ed ha fatto molto freddo, è ritornata la temperatura del mese di gennaio.

  • Prima domenica di marzo 1945

    Verso le 10:00 si sono fatte sentire le sirene. Fiocca ancora, la gente corre da tutte le parti dirigendosi verso i ricoveri, abbiamo sentito per radio, che ci sono molte formazioni da bombardamento e perciò tutti fuggono precipitosamente. Alle 11:00 siamo usciti neanche questa volta sono venuti a Monaco.

  • 6 marzo 1945

    Questa notte mentre stavamo in pieno sonno ho sentito strillare le sirene. Era mezzanotte ci siamo vestiti alla svelta e siamo scappati al ricovero. Dopo qualche ora è finito senza alcun incidente, però solo il freddo che si è assaggiato, uscendo dal letto caldo ed andando in mezzo alla strada. C’è qualche palmo di neve […]

  • 9 marzo 1945

    Oggi un altro allarme ma grazie a Dio senza bombardare. Sono 10 giorni che provai anch’io per vedere di andare in Italia e tuttora non ho abbandonata la lotta ma non ci riesco. Si deve crepare in Germania!

  • 12 marzo 1945

    Oggi c’è stato un altro allarme a mezzo giorno preciso. È sempre questa l’ora degli allarmi, vengono sempre a mezzogiorno. È tornato l’inverno. Ha nevicato per 10 giorni consecutivi. Il mese di febbraio è stato come un mese di primavera, invece adesso siamo quasi alla metà di marzo e non abbiamo ancora veduto il sole […]

  • 13 marzo 1945

    Questa notte mentre stavamo dormendo è suonato l’allarme. Erano le 11:00 quando abbiamo sentito squillare le sirene, ci vestiamo alla svelta e corriamo al ricovero. Dopo qualche ora è finita. Non c’eravamo ancora addormentati che suonano di nuovo le sirene, di nuovo ci vestiamo e corriamo al ricovero, dopo mezzanotte è finito anche il secondo […]

  • 14/15 marzo 1945

    Ieri e oggi sempre allarme e pre-allarme quasi tutto il giorno, ma neanche sono venuti a Monaco, hanno scelto altri obiettivi. Questi giorni sta facendo un tempo veramente bello, sempre sereno e fa caldo anche, non c’è più neve e non fa più freddo.

  • 19 marzo 1945

    È suonato l’allarme alle 11:20 ed è finito alle 3:40. Un allarme così lungo non si è mai verificato a Monaco da quando ci sono io.

  • 21 marzo 1945

    Un’altro allarme. Erano le 11:00 quando è suonato l’allarme. Non possiamo uscire di fabbrica e non ci fa entrare, il capo fabbrica, neanche nel ricovero. Io di nascosto sono riuscito a scapparmene fuori e sono andato ad un ricovero poco lontano. L’allarme è cessato alle 3:15 quando sono andato in fabbrica avevano già mangiato gli […]

  • 22/23 marzo 1945

    Allarme. C’è sempre un sole che è una bellezza per chi se lo può godere, per me non posso di certo godermelo, la fabbrica sembra una cantina, si entra la mattina e si sorte la sera.

  • 24 marzo 1945

    È mezzogiorno meno dieci, suona l’allarme. Ci mandano sotto la fabbrica dove basta cadere un solo spezzone per sfondare, e non ci lasciano uscire, peggio degli schiavi, mentre gli operai delle altre fabbriche li lasciano andare dove vogliono. Io approfittando che nessuno mi vedeva, me la sono svignata, tanto alle 12:15 si stacca di lavorare. […]

  • Lunedì Santo 1945

    Questa sera, tornando da lavorare finalmente, una lettera. Presala nelle mani, ho conosciuto sulla busta la mia calligrafia. Sono rimasto confuso, non pensando che poteva essere una delle tante che ho scritte per tramite della Croce Rossa di Vienna, con doppia busta, cioè con la busta di ritorno. Qualcuno mi ha detto: “Tu hai scritto […]

  • Martedì Santo 1945

    Questa notte ho dormito pochissimo, mi sono svegliato molte volte ed ogni qualvolta che mi svegliavo, due lacrime mi scendevano sulle guance ed un nodo mi stringeva la gola. Mi sembrava di vedermi sempre la mia moglie con i cari figlioli innanzi a me, mi veniva in mente, come se fosse stato ieri, quando nell’estate […]

  • mercoledì 28 marzo 1945

    Il tempo è molto nuvoloso e piove anche un po’. Fino alla Domenica delle Palme, è stato un bel tempo e anche caldo che neanche nei mesi dell’estate dell’anno scorso si sono verificati così belle giornate, ma da Lunedì Santo è incominciato a piovicolare. Adesso mi sento più contento, mi è passata un po’ quell’angoscia […]

  • Sabato Santo 1945

    Oggi verso mezzo giorno mentre stavamo lavorando sempre alla solita fabbrica è suonato l’allarme, dopo circa un ora è finito senza alcun incidente. Era qualche settimana che non si sentiva più allarme, ne pre-allarme, credevamo che forse ci sarebbe stato qualche colloquio per finire questa maledetta guerra, ma purtroppo non è così, continua ancora!

Aggiungi questo diario
ai tuoi Social Bookmarks.
Condividi!

This work is licensed under Creative Commons BY-NC-ND