A blog from World War 2

February 2, 1944

This morning, the nuns came and held Mass in the hospital. They sang the same songs we used to sing with Father Pasquale Ruosi in the church of Casale. I couldn’t hold back the tears. After Mass, I felt tired and had to rest. In the afternoon I felt better.

1 Comment

  1. kien:

    Arduo cogliere parole adeguate per esternare il forte impatto emotivo da cui si è investiti,una volta addentrati e poi smarriti in queste righe:spiazzanti,amare,dirette:come la verità.Che non è mai unilaterale,ma ha sempre molteplici e infiniti significati:come queste memorie che trascendono il lato tristemente emozionale,per raggiungere prospettive politiche:giungendo alle coscienze,in modo schietto e sincero.
    Oggi più che mai l’arretramento culturale si ripercuote violentamente sui nostri rapporti umani.è quindi di vitale importanza continuare a far vivere il ricordo:per il futuro.

    Altrettanto difficile,ma doveroso,è riuscire a ringraziare con poche parole gli ideatori di questo blog:per aver reso accessibile a tutti la testimonianza di un periodo tragico.
    Da antifascista,da un romano con radici di Casale di Carinola,da cittadino del mondo:GRAZIE.

Leave a comment

Add this diary to your
Social Bookmarks:
Share it!

This work is licensed under Creative Commons BY-NC-ND